Il trekking al Lago del Miage è una piacevole escursione nella splendida Val Veny, in Valle D’Aosta: il sentiero, che costeggia il torrente Doire, conduce fino al Lago del Miage, laghetto alpino alle pedici della morena del ghiacciaio del Miage. Questa escursione, semplice e poco impegnativa, regala bellissimi panorami sulla Val Veny e le montagne circostanti, ma soprattutto permette di vedere come i ghiacciai del Bianco siano in continua ritirata a causa dei cambiamenti climatici. 

 

Il Lago del Miage, situato a 2020 m slm, è un lago alpino di origine glaciale, formatosi ai pedi del Ghiacciaio del Miage. Fino a qualche anno fa questo lago era abbastanza grande e la parte frontale del ghiacciaio arrivava fino alle sponde del lago: oggi il Lago del Miage si presenta come una piccola pozza d’acqua e il ghiacciaio è arretrato di 10 metri. Purtroppo, secondo l’ultima indagine di Legambiente Alpi (2020), il ghiacciaio del Miage, definito “ghiacciaio himalayano” in quanto copre un dislivello altimetrico dalla cima del Monte Bianco fino alla Val Veny, dagli anni Novanta ad oggi  è sprofondato di circa un metro all’anno, per un totale di 30 metri. 

 

[ Lago del Miage ]

 

INFO

Tipologia: sentiero escursionistico

Difficoltà: E (sentiero esursionisitco)

Segnaletica: 13 – AV2 – 18 A

Luogo: Val d’Ayas (Valle d’Aosta)

Punto di partenza: La Visaille – 1659 m slm

Punto di arrivo: Lago del Miage – 2020 m slm

Dislivello:  361 m

Tempo di percorrenza: 1.30 h (solo andata)

 

Il trekking al Lago del Miage parte dal paesino di La Vasille: una volta raggiunta la Val Veny, si prosegue sempre dritti, fino a raggiungere un ponte situato al termine de La Visaille, dove poco più avanti si trova una sbarra. Da qui si prosegue a piedi, percorrendo la strada asfaltata, che sale sinuosa fino al Ponte sulla Doire.

 

[ Vista sul Lago Combal dal Ponte della Doire ]

 

Costeggiando il torrente Doire si arriva al Ponte Doire, da dove si può ammirare il Lago Combal, a 1955 m: a questo punto, per raggiungere il Lago del Miage si tiene la destra e in pochi minuti si arriva al bar Combal.

 

[ Bar Combal ]

 

Il trekking al lago del Miage prosegue sulla destra del bar: qui il sentiero inizia ad essere più ripido e si sale sulla morena che anticipa il lago. In circa 15 minuti si raggiunge il lago del Miage.

 

[ Lago del Miage ]

 

Una volta raggiunto il Lago del Miage, è inevitabile notare come questo lago sia davvero minuscolo. Cercando informazioni su internet è possibile vedere fotografie di qualche anno fa che mostrano un esteso lago glaciale con l’imponente ghiacciaio del Miage sullo sfondo: a distanza di pochi anni, il ghiacciaio si è notevolmente ritirato e di conseguenza anche il lago. Impossibile non riflettere: il ghiacciaio del Miage, uno dei più estesi del Monte Bianco, lungo più di 10 km e che un tempo arrivava quasi fino a valle, sta scomparendo.

Si stima che negli ultimi anni i ghiacciai delle Alpi si siano ritirati molto rapidamente: dal 1850 ad oggi, i ghiacciai alpini hanno perso il 60% del loro volume. Quello che si può vedere raggiungendo il lago del Miage è quello che purtroppo accadrà a tutti i ghiacciai: i glaciologi hanno spiegato che entro 50 anni scompariranno i ghiacciai al di sotto dei 3500 m e a fine secolo la stessa sorte colpirà tutti gli altri. E a noi cosa importa? Moltissimo. La scomparsa die ghiacciai riguarda tutti noi: gli ecosistemi cambieranno, le risorse idriche diminuiranno notevolmente e i disastri ambientali saranno all’ordine del giorno. Ovviamente le stazioni sciistiche chiuderanno i battenti ma soprattutto si perderà un importante patrimonio naturale fondamentale per l’equilibrio della vita sul nostro pianeta. La soluzione è quella di ridurre i gas serra stabilizzando le temperature sotto 1,5 – 2° C come stabilito nell’accordo di Parigi. Sono consapevole che spetti ai governi adottare misure drastiche ma credo che sia già  un grande passo se ognuno di noi prenda consapevolezza di quanto stia accadendo e adotti piccole ma concrete azioni che possano in parte contribuire al rallentamento della scomparsa dei ghiacciai e più in generale al riscaldamento globale. 

 

[ Il lago del Miage qualche anno fa, foto di © laghettialpini.com ]


 

 
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.