La Via dell’Amicizia è una via lunga nell’Appennino Ligure: è una via molto panoramica che si sviluppa sopra le ripide guglie delle Rocche del Reaopasso, nella cornice del Parco Regionale Naturale dell’Antola. 

Nel cuore del Parco dell’Antola si trovano le Rocche del Reopasso, rilievi montuosi di agglomerato di Savignone che somigliano a delle alte guglie di pietra. Queste conformazioni rocciose, che emergono dalla fitta e verde vegetazione dei boschi circostanti, caratterizzano quest’area del Parco dell’Antola: è un territorio impervio, dove l’uomo non è riuscito a domare (non a caso, il nome Reopasso significa proprio passaggio cattivo, pericoloso). 

In questo territorio, considerato da molti ancora selvaggio e poco conosciuto, è stata chiodata la Via dell’Amicizia. Si tratta di una via alpinistica che sale sullo spigolo sud-est della Biurca (940 m), una delle guglie rocciose delle Rocche del Reopasso. La via non presenta particolari difficoltà, tuttavia è considerata una via alpinistica in quanto si scala su conglomerato non sempre stabile.

Punto di partenza è il paese di Crocefieschi (raggiungibile in auto in 30 minuti uscendo dal casello di Busella, autostrada A7 Milano-Genova). Una volta parcheggiata l’auto (c’è un ampio parcheggio alla fine del paese sulla destra), si sale verso la chiesa e poi, tenendo la sinistra, si raggiunge un piccolo oratorio. Da qui si prosegue verso la ferrata Orlandini: arrivati all’attacco della ferrata si tiene la sinistra e proseguendo a mezzacosta, in meno di 5 minuti si raggiunge l’attacco della via.

La via dell’amicizia si sviluppa per 150 metri sulla parete sud-ovest della Biurca, per un totale di cinque tiri di grado III+ e IV. Sebbene il grado dei tiri non sia elevato, la tipologia di conglomerato e la difficoltà a muoversi su una parete a volte poco stabile e con spit di difficile individuazione, rendono questa via molto interessante. Molto importante l’utilizzo del caschetto per tutta la salita, la caduta di sassi è costante. 

 

VIA DELL’AMICIZIA – SCHEDA TECNICA

Luogo: Crocefieschi (GE)

Accesso: Uscita autostradale A7 casello di Bufala (GE)

Esposizione: Sud-Ovest

Dislivello: 150 metri

Dislivello avvicinamento: 50 metri

Numero di tiri: 5

Difficoltà: AD+, spesso III, max IV

Punti di appoggio: Crocefieschi e Bivacco Città di Busalla

Parcheggio: sì – gratuito 

Avvicinamento alla falesia: 20 minuti a piedi da parcheggio

Materiale necessario: materiale da falesia, 10 rinvii e non servono protezioni veloci.

 

RELAZIONE DELLA VIA LUNGA

L1: 50 metri, p. III – 3 fix: dall’attacco della via, salire il muretto e proseguire verso il terrazzino a sinistra, dove si trova un albero e una corda fissa: la sosta si trova poco sopra. 

L2: 25 metri, II e p. III+ – 5 fix: salire verso sinistra verso un terrazzino erboso.

L3: 40 metri, II/III e p. III+: salire verso sinistra fino a dove si stacca un’ampia cengia a destra e proseguire poi in diagonale a sinistra: la sosta si trova alla base del salto.

L4: 25 metri, III/III+ – 5/6 spit e 1 vecchia piastrina: tratto esposto sulla destra fino ad una cengia, per poi piegare a sinistra.

L5: 15 metri, III e p. IV- – 5 spit: salire diritto lasciandosi lo strapiombo sulla destra. La sosta si trova su una piccola cengia. Da qui si prosegue sul sentiero che collega la via alla ferrata e permette di raggiungere la cima della Biurca. 

Discesa: Una volta giunti sulla cima della Biurca, si scende dal sentiero presente sulla sinistra, che riporta in 15 minuti all’attacco della via. Non è possibile fare doppie a causa dell’instabilità del conglomerato. 

 
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.