Trolley, valigia, zaino, borsone: mentre un tempo si viaggiava con delle ingombranti e grandi valigie, oggi c’è una grande scelta quando si decide di comprare o sostituire il proprio bagaglio. Con questo articolo voglio condividere alcuni consigli utili che possono aiutare a scegliere il proprio bagaglio da viaggio!

 

La scelta del bagaglio da portarsi dietro durante un viaggio è molto importante. Ci sono diversi fattori da considerare quando si decide di comprare una valigia piuttosto che un trolley, come per esempio il tipo di viaggio che facciamo, la durata del viaggio oppure la destinazione. Per qualcuno sembrerà un argomento banale ma per altri non lo è affatto, e mi è capitato spesso di parlare di questo argomento con amici e conoscenti.

Pensate che un tempo quando si viaggiava si utilizzavano pesanti valige, con una sola maniglia, oggi il mercato offre una vasta scelta ai viaggiatori: trolley, valige di differenti dimensioni, zaini, borsoni e chi più ne ha più ne metta. Nel corso dei viaggi che ho fatto, ho avuto modo di sperimentare tutti i diversi tipi di bagagli, fino ad arrivare ad alcune conclusioni che condivido qui con piacere, sperando che possano essere utili a qualcun altro. 

 

 

COME SCEGLIERE IL PROPRIO BAGAGLIO DA VIAGGIO

Ecco i consigli per scegliere il proprio bagaglio da viaggio:

1. TIPO DI VIAGGIO

Per scegliere il proprio bagaglio da viaggio, è importante capire che tipo di viaggiatore sei. Se per esempio le tue destinazioni sono villaggi turistici oppure mete dove non è previsto di cambiare frequentemente albergo, sicuramente la scelta del bagaglio ricadrà su un comodo trolley. Questo è molto utile se hai in programma di portare con te molti vestiti o magari partecipare ad eventi o serate dove vuoi metterti qualcosa di carino. Il trolley in questo caso ti permetterà di portarti in viaggio molte cose e di poter piegare in modo ordinato i vestiti più eleganti. 

Se invece sei un viaggiatore più “itinerante”, che predilige destinazioni meno convenzionali o comunque con meno comfort, che cambia alloggio molto spesso durante un viaggio e magari (come spesso accade a me) prenota in guest house dove ci sono solo le scale, la scelta del trolley a mio avviso non è la migliore. In questo caso infatti, meglio optare per uno zaino o un borsone: in questo modo sarà più facile per esempio prendere i mezzi pubblici, spostarsi in continuazione con un bagaglio che si può facilmente mettere nei bus. 

Quindi, il primo consiglio è scegliere il proprio bagaglio in base al tipo di viaggi che in genere facciamo. 

 

[ E tu che viaggiatore sei? ]

 
2. PERIODO DI PERMANENZA

Molto importante è anche quanto si sta via per un viaggio. Il trolley hai il vantaggio di permettervi di portarsi dietro tanti vestiti, lo zaino o il borsone no. In questo secondo caso, se il vostro viaggio è lungo, dovrete optare per lavare le cose in viaggio. 

3. MOBILITA’ E ALLOGGIO

Il bagaglio varia anche in base a quante volte ci si sposta durante un singolo viaggio e con quale mezzo di trasporto. Se infatti si pernotta sempre nello stesso posto o ci sis posta poco con mezzi comodi come l’auto, allora il trolley è una buona soluzione per non caricare le spalle e viaggiare comodi. Ma se ci si sposta di sovente utilizzando per di più i mezzi pubblici come i bus, il trolley risulterà scomodo. In questo caso, meglio scegliere uno zaino o un borsone da caricarsi sulle spalle.

4. ABITUDINE

Se siamo abituati a viaggiare in un certo modo, questo non vuol dire che non possiamo cambiare e adattarci al tipo di viaggio che andiamo ad affrontare. Mi spiego meglio: spesso ci sono persone che si ostinano ad usare sempre grandi trolley perché non rinuncino a portarsi dietro mezzo armadio ma poi scelgono mete di viaggio dove il trasporto di certi bagagli diventa davvero impegnativo. Mi viene in mente per esempio la Bolivia: in un tour nel Sur Lipez ci si muove con un 4×4! Quindi a volte bisogna cambiare le proprie abitudini.

5. MATERIALI

Il bagaglio da viaggio deve essere scelto tenendo conto dei materiali con cui è fatto. Per i trolley, meglio scegliere valigie in tessuto o morbide: in caso di sballottamento, non si rischierà di trovarsi al ritiro bagagli a dover raccogliere i propri vestiti!

Stessa cosa vale per gli zaini o borsoni: molti per i primi viaggi tendono ad acquistare zaini con mille tasche e cerniere, magari troppo costosi o troppo economici. Anche qui, meglio trovare un compromesso. Per gli zaini, meglio scegliere un litraggio non superiore ai 60 litri, che è già abbastanza da portare sulla schiena! Io preferisco i borsoni perché possono essere imbarcati senza custodie e gli spallacci rischiano di rovinarsi meglio. I borsoni della North Face non costano eccessivamente ma si trovano altre marche, come la Patagonia.

 

 

BAGAGLIO DA VIAGGIO: LA MIA ESPERIENZA PERSONALE

Nei primissimi viaggi che ho fatto, ho sempre usato il trolley. Mi sono resa conto che non era il bagaglio adatto a me e al tipo di viaggi che facevo. Questo sia per quando visito luoghi dall’altra parte del mondo sia quando visito una capitale europea. Personalmente trovo il trolley molto scomodo, sia come valigia che come bagaglio a mano. Faccio fatica ad organizzare la valigia e spesso mi trovo ad inciampare.

In più, i miei viaggi sono tutti improntati al risparmio (per poter viaggiare di più ovvio ahah) per cui, tranne alcuni casi, spesso mi trovo in guest house dove lo spazio è ridotto e ci sono solo le scale, quindi il trolley è molto scomodo. Altra cosa, io in viaggio non mi porto mai troppi vestiti: primo perché, non amando la vita notturna, porto con me solo abiti confortevoli che nei viaggi lunghi tendo a lavarli (sopratutto se faccio trekking) e poi mi piace portare a casa prodotti locali e quindi non riempio mai il mio bagaglio. Pensate che i miei bagagli da stiva non hanno mai superato gli 8 kg di peso (poi al ritorno se compro qualcosa il peso aumenta ahah). 

Ci tengo a precisare che non mi sento una backpacker: però per il tipo di viaggi che faccio, utilizzo o lo zaino o il borsone. Per quanto riguarda lo zaino, ne ho diversi (in realtà una miriade se contiamo anche quelli da trekking, arrampicata e alpinismo: invece di avere un armadio pieno di borse io ho un armadio pieno di zaini!) ma per viaggiare in genere utilizzo uno zaino da 40 o massimo 60 litri. Attenzione: se fate viaggi itineranti dove vi spostate spesso sopratutto con i mezzi pubblici, non oltrepassate i 60 litri: se dovete camminare con un peso eccessivo e non ben distribuito, avrete seri problemi alla schiena.

 

[ I miei borsoni della North Face ]

 

Personalmente utilizzo moltissimo i borsoni della North Face. Sono in cerata, molto resistenti e ho iniziato ad utilizzarli anche perché posso portarmi dietro l’attrezzatura da trekking senza rovinarla e nei prossimi viaggi anche quella da arrampicata. Devo dire che a livello di schiena non sono comodissimi ma hanno una grande capienza. In genere, per i viaggi lunghi io viaggio con il borsone da 60 litri della Notte face e con uno zaino da 20 litri come bagaglio a mano, dove metto la macchina fotografica, i documenti e un cambio. Se viaggio per una città europea utilizzo quello da 30 litri o addirittura quello più piccolo come ho fatto a Porto. Come ho detto, io non sto molto li a guardarmi come sono vestita, non mi interessa avere il vestito carino per la foto da mettere su Instagram ma mi interessa viaggiare in totale comodità. In più, nel corso del tempo, ho imparato che in alcuni paesi certi abbigliamenti sono sconsigliati per non mettere a disagio la popolazione locale. 

 

E voi che bagaglio utilizzate? Fatemelo sapere nei commenti! 

 
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.