L’usine Fragonard a Grasse: un viaggio nel mondo dei profumi

La prima volta che sono stata a Grasse avevo poco più di 8 anni. Mi ricordo ancora il mio entusiasmo quando chiesi a mia mamma che cosa avesse di tanto particolare questa città e lei mi disse che Grasse è la città dei profumi. Mi sono sempre piaciuti i profumi e così abbiamo visitato una delle tante fabbriche che ci sono a Grasse. Ho scoperto un mondo meraviglioso, quello dei profumi. Da allora Grasse è diventato uno dei miei luoghi preferiti e nel corso degli anni ci sono tornata moltissime volte. Ogni volta ripeto quell’esperienza di ormai 16 anni fa: visito una fabbrica, ripercorro la storia di Grasse e provo nuove fragranze. La mia preferita resta la fabbrica di Fragonard, proprio quella che ho visitato per la prima volta quand’ero bambina. Ecco allora alcune curiosità sul mondo dei profumi che mi sono state illustrate proprio qui!

 

LA STORIA DELL’USINE FRAGONARD

Durante il Medioevo, Grasse commerciava con la vicina Genova esportando bestiame, vino e cuoio. La ricca presenza di acqua in tutta la zona circostante, rese Grasse famosa per la conciatura delle pelli fin dal XII secolo.

Nel corso del Rinascimento, Grasse diventò celebre in tutta Europa per la produzione dei guanti profumati, prodotto molto in voga a quell’epoca. Si dice che quando Caterina De Medici si trovò di passaggio a Grasse, suggerì ai conciatori di aggiungere ai guanti maleodoranti del profumo. Da quel momento i guanti profumati di Grasse divennero simbolo della nobiltà dell’epoca e Grasse iniziò a commerciare anche i profumi.

La fabbrica di profumi Fragonard fu fondata nel 1926 quando Eugène Fuchs decise di creare una fabbrica per vendere direttamente i suoi prodotti ai turisti che visitavano la Costa Azzurra. Alla profumeria si decise di dare il nome “Fragonard” in onore del celebre pittore Jean-Honoré Fragonard (1732-1806), originario di Grasse. La Maison Fragonard è stata gestita fin dall’origine dalla famiglia Costa, che tramanda di generazione in generazione i segreti di questo antico mestiere. 

 

[ L’usine storica di Fragonard nel centro di Grasse ]

 

LA VISITA ALLA PROFUMERIA FRAGONARD

In Provenza ci sono tre profumerie Fragonard, due a Grasse e una ad Eze. La più antica è quella che si trova nel centro storico di Grasse, dove si producono i profumi e i saponi; nella fabbrica che si trova all’inizio di Grasse si producono le eau de toilette, mentre nella profumeria di Eze si producono i prodotti cosmetici.

La visita nelle due fabbriche di Grasse è possibile in diverse lingue tra cui l’italiano. 

Nella prima sala viene illustrata la provenienza dei fiori: nei dintorni di Grasse sono coltivati la lavanda e il gelsomino ma per creare i profumi vengono utilizzati diversi tipi di fiori, che provengono da tutto il mondo. Grazie ad una mappa del mondo molto originale, la guida vi illustrerà quali fiori provengono dall’Europa e quali fiori provengono dalle altre parti del mondo. 

 

[ La route des parfumes ]

 

Sempre in questa sala la guida illustra come in passato veniva creato il profumo. Fino agli anni ‘60 l’essenza di profumo si realizzava utilizzando il grasso animale, suino o bovino: i fiori venivano raccolti al mattino, immersi nel grasso animale e sostituiti il giorno seguente. Questo processo durava un mese. Successivamente, il grasso animale veniva lavato con l’alcool e si otteneva “l’assoluta”, l’essenza per fare il profumo.

Per i fiori meno delicati invece, si usava il grasso animale a caldo e poi si seguiva una procedura simile a quella descritta sopra sfruttando anche l’utilizzo del calore. 

 

[ I fiori nel grasso animale ]

 

Oggi questo procedimento non si segue più e vengono utilizzate grosse cisterne che permettono di creare l’essenza di profumo in sole 6 ore. In una cisterna viene portata ad ebollizione l’acqua e in un buco nella parte inferiore della cisterna vengono inseriti i fiori; il vapore che si forma scorre lungo un tubo a forma di collo di cigno e confluisce in una cisterna piena di acqua fredda. Con il freddo il vapore condensa ed esce dalla cisterna per essere raccolto in un contenitore dove successivamente si divide l’olio di essenza dall’acqua. Le quantità di fiori utilizzate sono impressionanti: pensate che per ottenere 1 litro di olio essenziale di lavanda servono 200 kg di lavanda!

 

[ Le antiche cisterne ]

 

La seconda sala è la sala del confezionamento: qui si possono vedere alcuni dipendenti della fabbrica che imbottigliano il profumo. La profumeria Fragonard utilizza due tipi di boccette, una in vetro e una in alluminio. Nella boccetta in vetro il profumo dura circa 3 anni mentre nella boccetta di alluminio, che protegge meglio dal calore e dalla luce, il profumo si conserva per 6 anni. Qui ogni giorno vengono confezionate 4000 boccette di profumo.

In questa sala la guida ci ha spiegato che la differenza tra profumo, eau de toilette e eau de parfum è la diversa quantità d’acqua che viene aggiunta all’essenza. Nel profumo c’è il 24% di essenza; nell’eau de toilette c’è il 10% di essenza; nell’eau de parfum c’è il 15% di essenza.

Per gli uomini esiste solo l’eau de toilette perché la loro pelle mantiene il profumo più a lungo rispetto alla pelle delle donne. 

 

[ Il confezionamento ]

 

La terza sala è dedicata ai saponi. Fragonard acquista sapone neutro, il sapone di Marsiglia, che viene unito alla noce di cocco. Successivamente viene inserito in una macchina dove si mescola con il 3% di essenza e poi le scaglie di sapone vengono mischiate in un altro macchinario che forma un tubo, che viene successivamente tagliato per formare le singole saponette. La forma tipica delle saponette di Grasse è a forma di uovo e nella vecchia Usine vengono prodotte 2000 uova di sapone al giorno! 

 

[ Le uova di Fragonard ]

 

La quarta sala è la Sala del Naso. Il naso (“le nez” in francese) è colui che crea la fragranza di profumo. Per diventare un Naso bisogna studiare per sei anni: tre anni di teoria e due anni di pratica. Esistono solo tre scuole di questo tipo in tutto il mondo: una a Parigi, una a Versailles e una a Grasse. Nel mondo ci sono circa 1000 persone che svolgono questa professione ma i Nasi più ricercati sono solo 50. Questi riescono a riconoscere 3000 fragranze! 

Per creare un profumo un Naso utilizza la piramide olfattiva che è formata da tre note: la nota di testa, che è quella che si sente appena si mette il profumo sula pelle e ha un gusto fruttato; la nota di cuore, che è quella che si stende dopo un minuto ed è caratterizzata dal profumo dei fiori; infine, dopo circa 5 minuti, si sente la nota di fondo, composta da gusti più intensi come il muschio, l’ambra e il paciuli. 

Se volete provare a creare il vostro profumo potete partecipare al progetto promosso dalla profumeria Fragonard “l’atelier de Parfumeur” dove in 1 ora e mezza creerete la vostra acqua di colonia con 9 diverse essenze. Per maggiori informazioni e prenotazioni: www.fragonard.com/fr/atelier

 

[ Il laboratorio del Naso ]

 

L’ultima parte della visita metterà alla prova il vostro naso: la guida vi condurrà nella boutique Fragonard dove vi farà provare una serie di profumi e dovrete provare ad indovinare quali fragranze compongono il profumo. 

Al termine della visita, se vorrete, potrete farvi consigliare quale profumo acquistare, al prezzo di fabbrica. I miei preferiti in assoluto sono: belle de nuitfrivole e santal.

 

[ Fragranze di profumo ]

 

La visita nella profumeria di Fragonard è un viaggio diverso, un viaggio tra le note della piramide olfattiva, da non perdere se visitate la città di Grasse!


 

 
Share

Lascia una risposta