Viaggio alla scoperta del Perù

Viaggio alla scoperta del Perù

pubblicato in: AMERICA, Perù, Sud America | 1

Il Perù è un Paese sospeso tra il cielo e la terra: attraversando la Cordigliera delle Ande si ha la sensazione di toccare con un dito le alte vette ricoperte dai ghiacciai perenni; il Lago Titicaca, che si estende a perdita d’occhio, si confonde con il blu intenso del cielo; i peruviani, fieri della loro cultura, cercano di trasmettere al visitatore le loro tradizioni legate al culto della madre terra.

Grazie all’alchimia dei suoi paesaggi mozzafiato, la storia delle culture millenarie e la raffinata cucina, il Perù è un Paese tutto da scoprire!

 

Arequipa

Tutti i voli arrivano all’aeroporto di Lima, la capitale del Perù. Ho visitato Lima l’ultimo giorno, di fatto il mio viaggio inizia ad Arequipa, la seconda città più grande del Perù, con 1 milione di abitanti.

Arequipa si trova a 2300m slm ed è circondata da tre vulcani attivi, Picchu Picchu (picchu=vetta), Misti e Chachani, le cui altezze si aggirano intorno ai 6000m e rendono la zona di Arequipa una delle più sismiche di tutto i Perù: per questo motivo le case sono molto basse.

Dalla piazza di Yana Huara si può vedere un bellissimo panorama della città, imbellito dalla presenza dei tre imponenti vulcani innevati. In questa piazza ci sono palme e giardini pieni di fiori: non sembra di essere a 2300 m! Grazie alle tante panchine ci si può sedere, mangiare il gelato oppure bere un buon frullato alla papaya arepequena o al tumbo (frutti tropicali).

Arequipa e i suoi vulcani

 

Nel centro della città abbiamo visitato il Museo Santuarios Andinoa, dove è conservata la mummia di Juanita, una delle bambine sacrificate dagli inca agli dei sul monte Ampato.

Non lontano si trova il Monastero di Santa Catalina, monastero di suore di clausura costruito nel 1579. La maggior parte della struttura è visitabile (la parte non visitabile ospita ancora oggi 15 suore di clausura). Costruito in pietra vulcanica, colorato di rosso e azzurro, è una città dentro la città: le calles (vie) richiamano i nomi di strade spagnole.

 

DSC_4529_risultato

 

Per entrare nel monastero bisognava dare una dote e le giovani ragazze che volevano diventare suore, le novizie, inizialmente non vivevano con le altre ma in un’apposita parte del monastero. Prima che il Vaticano decidesse che le suore dovessero vivere in comunità, queste vivevano da sole in coppia in celle che erano dei veri e propri appartamenti con la stanza da letto (sempre posizionato sotto un arco, luogo ideale di protezione nel caso di terremoto), la sala da pranzo e la cucina (alcuni forni vengono ancora oggi accesi per far sentire ai visitatori l’odore del fumo) e venivano accudite dalle loro serve. Dopo la riforma del Vaticano, le suore iniziarono a vivere in comunità e gli appartamenti vennero utilizzati esclusivamente come stanze da letto. Oggi la clausura è meno severa e le suore possono anche uscire, ad esempio per andare dal medico.

Nella piazza principale di Arequipa si può visitare la Cattedrale di Maria e riposarsi del piazzale antistante.

 

DSC_4564_risultato

 

Il Perù è molto grande e per spostarsi da un posto all’altro ci vuole parecchio tempo. Dato che le altezze sono notevoli, abbiamo viaggiato in bus, in modo da adattarci meglio all’altitudine. Nel terraporto di Arequipa ci sono molte compagnie che organizzano questi viaggi. Per raggiungere Puno abbiamo viaggiato con la Cruz del Sur. Il viaggio è durato 6 ore (non esistono autostrade in Perù) ma non è stato pesante perché il paesaggi è davvero meraviglioso: attraversando l’altopiano andino, abbiamo visto alcuni ghiacciai perenni, i verdi pascoli con le alpaca, le lagune con qualche fenicottero e alcuni villaggi locali.

 

Per raggiungere Puno abbiamo attraversato un passo all’altezza di 4528 m slm!

DSC_5348_risultato

Siamo stati fortunati perché abbiamo visto dei gruppi di vigogna! Questo cammello è simile all’alpaca e al lama ma è selvatico e raramente si fa vedere: la sua lana è la più pregiata del mondo (1kg di lana di alpaca=40$, 1 kg di lana di vigogna=700$!!).

DSC_4598_risultato

 

 

Puno e il Lago Titicaca

Una volta arrivati a Puno, siamo stati colpiti dal soreche, il mal di montagna, e per farlo passare abbiamo usato la foglia di coca: sì, quella da cui si ricava la cocaina! In Perù la foglia di coca è molto utilizzata perché ha un effetto stimolante simile alla caffeina (infatti si consiglia di non farne uso dopo le ore 17.00). Ovviamente non è droga perché per far si che diventi tale è necessario unirla ad altre sostanze. Ai turisti, per combattere il soreche è consigliato masticare 7 foglie di coca oppure farsi una tisana al mate de coca. Un altro consiglio è stato quello di non mangiare dopo le 18 e di evitare la carne per i primi giorni.

Puno di per se no è un gran che, e la vita quotidiana si svolge sostanzialmente intorno alla piazza principale, Plaza de Armas. Qui si possono vedere molte donne peruviane in abiti tradizionali: gonna ampia, trecce lunghe nere, cappello a bombetta, e un telo colorato arrotolato sulla schiena che usano per trasportare diversi oggetti e anche i bambini.

DSC_5251_risultato

Puno è famosa perché si trova sulle rive del Lago Titicaca, il più alto lago navigabile del mondo, a 3810 m di altezza! Una parte è peruviana (il 60%) il resto è territorio boliviano.

Titicaca significa puma (titi) grigio (caca): secondo la leggenda, la zona era abitata da puma grigi e quando le popolazioni locali invocarono la pioggia, gli dei mandarono un acquazzone che riempì il bacino e affogò i puma che, morendo, galleggiarono con la pancia in su e fecero sembrare il lago grigio. Il lago è enorme: 7 volte il lago di Garda!

DSC_4759_risultato

 

La tribù degli Uros

Dal porto partono numerose barche che accompagnano i visitatori alle isole galleggianti degli Uros: questa popolazione in origine viveva lungo la costa su imbarcazioni di junco ma quando arrivarono gli inca, piuttosto che sottomettersi, decisero di vivere sul lago, costruendo le isole galleggianti. Queste isole sono fatte di Junco, una specie di canna che cresce nel lago: gli Uros si recano al largo dove le onde del lago staccano blocchi di questa canna, che successivamente vengono legati tra loro e posizionati alla base dell’isola e sopra vengono aggiunti strati di junco. Dall’isola al fondo del lago ci sono circa 9 m e queste canne devono essere rinnovate molto spesso perché marciscono.

DSC_4957_risultato

 

Gli Uros sono una popolazione particolare non soltanto perché vivono su queste isole galleggianti: tendono a sposarsi tra di loro e spesso nascono bambini malformati che non vengono accettati dalla comunità e allontanati. Conducono una vita principalmente sedentaria, soprattutto le donne; gli uomini al mattino lasciano le isole per posizionare al largo le reti e pescare il pesce, principale fonte di cibo. Alcuni isolani sono molto accoglienti e gentili con i visitatori, altri meno. La nostra guida non ci ha fatto scendere dove scendevano gli altri turisti ma in un’isola più piccola dove Ines, una riservata signora di 37 anni con 4 figli, ci ha gentilmente fatto vedere la sua capanna e, usando un po’ di gesti e un po’ di spagnolo, ci ha raccontato qualcosa sulla sua vita.

 

DSC_4845_risultato

 

Su molte isole si vedono pannelli solari che servono per fornire elettricità nelle case e per far funzionare la televisione. Si spostano da un’isola all’altra usando barche a motore, mentre per i turisti (al costo di 10 soles) c’è la possibilità di fare un giro sulle barche in Junco, che un tempo venivano utilizzate dagli Uros: alcune sono molto grandi e molto scenografiche. Per sopportare meglio il peso delle persone, tra le canne di junco sono inserite bottiglie di plastica. Le isole più al largo, quelle visitate da meno turisti, rappresentano ancora la tribù Uros autentica, ma purtroppo nel giro di poco tempo questa realtà scomparirà e diventerà solo un’attrazione turistica.

DSC_4922_risultato

 

Isla Tachile

A circa un’ora e mezza di barca (ne esistono di diversi tipi, la veloz è la più veloce) c’è l’Isola Tachile. Questa isola è idilliaca, con le spiagge di sabbia fine e l’acqua color turchese, sembra di essere su un’isola del Mediterraneo. Aguzzando la vista si possono vedere i ghiacciai perenni della Cordigliera Boliviana.

DSC_5007_risultato

Qui vive una comunità Quechua di circa 2.000 persone con un proprio sistema sociale: ognuno mette a disposizione il proprio lavoro per la comunità e ogni due anni viene scelto un sindaco che amministra la vita quotidiana. Se qualcuno commette un reato viene punito con lavori manuali come la pavimentazione dei sentieri e insieme a lui tutta la sua famiglia, in modo tale che i figli imparino.

 

Le tre regole che devono essere rispettate da tutti sono: non rubare, non mentire, non oziare. L’isola è molto verde e sono coltivati diversi ortaggi. Le donne filano nella piazza e indossano vestiti molto colorati e un ampio velo nero che portano in testa per proteggersi dal sole. Gli uomini indossano il cappello tradizionale che in base al colore indica lo stato sociale e se l’uomo è sposato (rosso) oppure no (rosso e bianco), e una cintura che ogni anno gli viene regalata dalla moglie, la quale ricama i più importanti eventi che sono capitati in quell’anno nella loro famiglia.

DSC_5051_risultato

Verso Cusco…

Per raggiungere la valle di Cusco abbiamo utilizzato un bus come quello per Puno ma dato che nel corso del tragitto c’erano alcune soste che meritavano di essere fatte, abbiamo viaggiato con una compagnia che fornisse anche la possibilità di fermarsi, con una guida locale parlante inglese e spagnolo. Abbiamo impiegato 10 ore ma tra le soste e il panorama mozzafiato, sono passate velocemente.

Il passaggio dalla valle di Puno a quella di Cusco è segnato da La Raya (linea), un passo a 4335 m slm in mezzo ai ghiacciai. Qui la Cordigliera delle Ande si divide: a est prende il nome di Cordigliera boliviana, a ovest di Cordigliera peruviana.

DSC_5374_risultato

Nella valle di Cusco il paesaggio cambia: si iniziano a vedere molti villaggi ai bordi delle strade, molte piantagioni di mais e alberi di eucalipto.

 Rachi è il primo insediamento inca che abbiamo visitato. Sono rimaste intatte le mura e le fondamenta delle case dei nobili e il muro portante del tempio.

 

Siamo stati molto fortunati perché quel giorno c’era la festa del paese e gli abitanti erano vestiti in abiti tradizionali: è stata una bella occasione per vedere i festeggiamenti e ovviamente per fare fotografie.

DSC_5452_risultato

Ad Andahuaylillas c’è la Cappella Sistina delle Ande, a 3100 m slm, un bellissimo esempio di barocco andino. Fu costruita nel XVII sec. dai gesuiti che la fecero affrescare da un pittore andino in modo da poter spiegare il vangelo ai locali. Nel XVIII secolo arrivarono i domenicani che coprirono gli affreschi con grandi quadri e decorarono l’altare con un bassorilievo in oro a 22 carati. Da quando il Perù ha ottenuto l’indipendenza, nel 1821, la chiesa è di nuovo gesuita ma lo sfarzo introdotto nella chiesa dai domenicani non è stato rimosso.

 

La Valle Sacra

DSC_5549_risultato

Cusco si trova nella Valle Sacra (El Valle Sagrado), la valle attraversata dal Fiume Urubamba, culla della civiltà inca. E’ una zona molto fertile e durante il periodo delle piogge le montagne (di altezza compresa tra i 2000 e 7400m) sono completamente verdi. A Pisac abbiamo visitato il tradizionale mercato, ricco di prodotti locali, tra cui i tessuti in lana di alpaca e l’argento.

DSC_5598_risultato

 

Non lontane da Pisac ci sono le Saline di Maaras, saline che si trovano a 3380 m slm! I terrazzamenti di saline sono assegnati agli abitanti locali, 15 vasche per famiglia. Per visitare le saline bisogna pagare un biglietto di ingresso e il ricavato viene messo a disposizione delle famiglie che vi lavorano. Questo sale si caratterizza per il fatto che è privo di iodio: è sconsigliato un uso frequente.

DSC_5671_risultato

Proseguendo lungo il fiume Urubamba, si raggiunge Ollantaytambo, piccolo paesino dove si sono ben conservati resti dell’insediamento inca. Da qui è possibile prendere il treno per Machu Picchu.

 

Machu Picchu

L’unico modo per raggiungere Aguas Calientes (paesino sviluppato ai piedi di Machu Picchu) è il treno: ne esistono diversi tipi ma quello per i turisti ha un prezzo maggiorato rispetto a quello per i locali. Nonostante fosse bassa stagione, qui il numero di turisti è sempre alto. Il treno PeruRail ha le vetrate molto ampie e permette di godersi al meglio il panorama dell’impetuoso torrente Urubamba e la foresta amazzonica.

DSC_5849_risultato

Ad Aguas Calientes il paesaggio è cambia di nuovo: il Perù infatti si divide in tre zone climatiche, la sierra, la costa e la selva. Machu Picchu si trova all’inizio della selva, la foresta amazzonica. Ad Aguas Calientes ci sono solo alberghi e ristoranti che permettano ai turisti di pernottare e rifocillarsi prima o dopo la visita al sito archeologico.

Per raggiungere Machu Picchu ci sono due modi: o andare a piedi oppure prendere uno d tanti piccoli bus che partono ogni 10 minuti da Aguas calientes. Non è possibile accedere con pullman turistici o auto private e personalmente la trovo una scelta azzeccata: innanzitutto la strada è molto scoscesa e non è asfaltata per le frequenti piogge, inoltre il servizio dei bus è molto efficiente e permette di non “contaminare” il sito archeologico, che deve la sua bellezza principalmente al paesaggio circostante, selvaggio e immacolato.

DSC_5906_risultato

 

Visitare Machu Picchu durante il periodo delle piogge è un’esperienza unica! Al mattino presto ci siamo svegliati ad Aguas Calientes tra i canti degli uccelli tropicali e una pioggia torrenziale.. Dati gli sfortunati eventi dei gironi precedenti ero rassegnata a vedere il tanto atteso Machu Picchu sotto la pioggia ma in realtà, mentre con il pullman saliamo verso il sito archeologico, le nuvole lentamente si muovevano mostrando a tratti le alte montagne verdissime, creando degli scenari spettacolari. Arrivati a Machu Picchu (c’è solo un albergo e un ristorante!) abbiamo oltrepassato la porta principale e abbiamo iniziato la visita.

 

[GLI INCA: DALLA MONGOLIA A MACHU PICCHU]

 

DSC_5944_risultato

 

Appena sono arrivata qui ho capito perché questo luogo sperduto è una delle sette meraviglie del mondo, è il paesaggio circonstante che lo rende magico: la maestosa montagna Wayna Picchu, le nuvole che danzano intorno, il torrente Urubamba laggiù in basso, fanno da cornice ai resti dell’antica città inca, perfettamente conservata.

 

DSC_5918_risultato

 

Il sito archeologico è abbastanza grande ma nonostante fosse bassa stagione, verso le 10 di mattina sono arrivati davvero tanti turisti: consiglio quindi di visitarlo al mattino presto (il sito apre alle 7), in modo da poterlo esplorare con calma.

 

Cusco

Tornati a Cusco, abbiamo dedicato un giorno intero alla visita della città, l’antica capitale dell’impero inca. Cusco infatti significa “centro”: da qui veniva amministrato tutto l’impero. Quando arrivarono gli spagnoli distrussero ogni cosa e lasciarono sono i resti delle imponenti costruzioni inca, come ad esempio Saqsayhuaman, enorme tempio dedicato al fulmine. Anche di Pakapukara, punto di controllo delle quattro vie dove si sviluppava l’impero, e del tempio di Qenquo, non restano che le fondamenta.

 

DSC_0052_risultato

 

La città è ricca di chiese costruite dagli spagnoli con le pietre e l’oro dei templi inca, e sui resti del Qorikancha (centro del centro), il più importante tempio inca, è stato costruito il Convento di Santo Domingo: il forte terremoto del 1950 fece comparire le rovine inca che in parte sono state recuperate. Queste hanno resistito al terremoto perché gli inca utilizzavano un metodo ad incastro in modo tale che le pietre non potessero crollare.

La Cattedrale, che si trova nel centro storico, è davvero impressionante: strutturata a forma di croce presenta tre altari, tutti decorati in oro dalla Escuela Cuzquena.

Particolare è la storia del Cristo Moreno. Nel 1650 ci fu un forte terremoto ma quando venne portata in processione la statua del Cristo il terremoto cessò e da quel giorno è il patrono della città e protettore contro i terremoti. Viene chiamato Cristo Nero perché è stato affumicato dalle fiamme delle numerose candele accese dai fedeli.

 

DSC_0162_risultato

Cusco si gira volentieri a piedi e le mura della città sono perfette: sono le mura inca!

 

Lima

L’ultimo giorno drl viaggio è stato dedicato a Lima.

La capitale del Perù si trova nella zona costiera e si affaccia sull’oceano: grazie al clima mite e secco, può essere visitata in ogni periodo dell’anno.

Le mie aspettative erano molto basse in quanto avevo letto e sentito dire che la capitale è deludente. In realtà a me è piaciuta: le strade sono pulite, gli edifici e le piazze ben curati, le persone cordiali, come il resto dei peruviani, e il clima piacevole.

DSC_0386_risultato
Lima è la città più grande del Perù e conta 10 milioni di abitanti, e questo comporta inevitabilmente tanto traffico. Per nostra fortuna, visitando la capitale di domenica, non abbiamo avuto problemi a raggiungere i punti di interesse con il bus.

Prima di visitare il centro storico, siamo andati al museo Larco, tappa a mio avviso fondamentale per conoscere la cultura inca e pre incaica. Durante il viaggio le guide locali ci avevano spiegato molte cose sugli inca ma la visita a questo museo ci ha permesso di completare il quadro: il popolo inca è solo la punta dell’iceberg di una cultura che si è iniziata a sviluppare centinaia di anni prima, e grazie al fondatore del museo, R. L. Hoyle, che ha collezionato numerosi reperti (ritrovati nelle tombe) è possibile vedere i tessuti, le rappresentazioni iconografiche, i gioielli, le armi di queste antiche popolazioni.

IMG_9133_risultato

Il centro storico di Lima è testimonianza della colonizzazione spagnola. Lima fu fondata da Pizarro nel 1535, che riprese la struttura architettonica delle città e dei palazzi spagnoli. Avendo a disposizione poco tempo, abbiamo visitato solo la zona di Plaza de Armas, la piazza principale. Camminando per le strade, si possono ammirare diversi edifici coloniali e alcuni sono visitabili.

Merita la Casa Alianga: questa casa fu costruita da Geronimo de Alianga, seguace di Pizarro, che ottenne il titolo nobiliare dopo la conquista coloniale. E’ una casa privata (da ben 17 generazioni) ma è visitabile. L’esterno non dice nulla di che, ma una volta oltrepassato il portone e salita la scalinata in marmo, si accede alla casa che internamente è molto bella, decorata con mattonelle colorate e mobili d’epoca. La sala da pranzo si affaccia su piccolo cortile interno.

IMG_9204_risultato

Da qui si può facilmente raggiungere il Monastero di San Francesco: in stile barocco, è decorato con affreschi, legno di cedro del Nicaragua e piastrelle colorate. L’antica biblioteca è interamente in legno e si è conservata perfettamente, insieme ai suoi 25.000 volumi, nonostante gli innumerevoli terremoti che hanno interessato la zona. Alcuni colonnati, se si guarda attentamente, sono leggermente pendenti: questo perché sono costruiti con mattoni e canne di bambù, in modo da renderli flessibili nel caso di terremoti.

IMG_9175_risultato

Molti vistano il monastero perché famoso per le sue catacombe: è impressionante vedere la struttura portante di questo enorme complesso, anche se tutte quelle ossa e crani mi hanno trasmesso una sensazione di inquietudine!

 Plaza des Armas è la piazza principale dove si può vedere il palazzo del governo (presieduto da guardie in uniforme: a mezzogiorno si può assistere al cambio della guardia sulle impalcature disposte di fronte ai cancelli) e la cattedrale di Lima, accanto alla quale c’è il sontuosissimo Palazzo Arcivescovile.

IMG_9194_risultato

 

Con la visita di Lima si è concluso il mio viaggio in Perù: da quando sono tornata penso spesso a tutto quello che mi offerto questo bellissimo Paese e in cuor mio spero di poter ritornarci un giorno!

 

Scopri anche: QUANDO ANDARE & COSA PORTARE IN PERù


 

 
Share

Una Risposta

  1. […] e di conseguenza sono numerosi gli spostamenti da fare. Se avete intenzione di intraprendere un viaggio alla scoperta del Perù come ho fatto io, considerate di dover prendere non solo molti aerei ma anche diversi bus. Sono […]

Lascia una risposta