Bruxelles, la capitale del Belgio, è a mio avviso una delle città più belle di tutto il mondo. Considerando i diversi musei, parchi e quartieri, a Bruxelles bisognerebbe trascorrere almeno una settimana! Ecco qui un post con tutto quello che c’è da fare e vedere a Bruxelles, meta ideale per trascorrere un weekend!

 

Un weekend a Bruxelles è sempre una buona idea. Ben collegata all’Italia dall’aeroporto di Zavantem, la città può essere visitata in ogni stagione: in primavera e estate, i giardini e parchi della città si abbelliscono di fiori colorati, mentre nei mesi autunnali si colorano di rosso e arancione e in inverno, l’atmosfera natalizia rende unica la città. Durante la bella stagione le temperature sono gradevoli e in inverno non scendono quasi mai sotto lo zero. Ogni tanto piove, ma non sempre, per cui si può organizzare un weekend a Bruxelles tutto l’anno!

Dall’aeroporto di Zavantem è possibile raggiungere il centro con il bus 12 (Brussels Express) oppure con il treno. Sconsiglio di atterrare all’aeroporto di Chalerloi: questa città si trova infatti a circa 1 ora da Bruxelles e i collegamenti sono garantiti ma ci vuole molto più tempo a raggiungere il centro della capitale belga. 

Bruxelles si caratterizza per essere suddivisa in diversi comuni. Questo la rende una città davvero interessante dato che ogni comune ha le proprie caratteristiche. I comuni più centrali e di maggior interesse sono Bruxelles 1000, dove si trova la Grand Place e il centro storico, il comune di Etterbeek, vicino alle istituzioni europee, e il comune di Ixelles, bellissimo quartiere residenziale poco distante dal centro storico. Consiglio quindi di prenotare un albergo in queste zone. 

Dopo aver vissuto a Bruxelles diversi anni, ho messo a punto questa guida con tutti i miei consigli su cosa vedere e cosa fare, con tanti posticini carini. Inziamo da cosa vedere, quartiere per quartiere!

 

CENTRO DI BRUXELLES

GRAND PLACE

La Grand Place o Grote Markt in fiammingo, è la piazza più famosa di Bruxelles: non troppo grande e situata nel centro storico, la Grand Place è uno dei luoghi più belli di tutta la città, e infatti è Patrimonio Unesco dal 1998! Inoltre questa piazza è la più antica della città: Bruxelles sorse infatti nel X secolo da un forte su un piccolo isolotto situato ai lati del fiume Senne (dove oggi si trova il Boulevard Anspach) e dalla successiva bonifica di questa zona paludosa.

La Grand Place si caratterizza per i graziosi palazzi placcati in oro che la circondano: si tratta delle case delle corporazioni, costruite nel 1700 con stili diversi ma armoniosi, dal gotico al barocco. Tra queste, spicca la n° 9, Le Cygne (il Cigno): nata come casa borghese, fu costruita nel 1698 per il finanziere Pierre Fariseau, che fece porre il suo stemma di famiglia al centro della facciata. Successivamente, nel 1720 venne acquistata dalla Corporazione dei Macellai. Oltre alle case delle corporazioni, decorate con diversi sibili, si trovano il Municipio del 1400 e la Maison du Roi. Tutti gli anni pari, tranne nel 2020, il week-end del 15 agosto nella Grand Place viene allestita l’Infiorata e la piazza viene abbellita da un enorme tappeto di fiori di 25 metri di larghezza per 75 di lunghezza, formato dai fiori provenienti da più di 500 000 piante di begonie!

Qualche curiosità su una delle piazze più belle al mondo e Patrimonio Unesco, la Grand Place di Bruxelles:
–  Bruxelles in fiammingo significa “ponte sulle paludi”. Un tempo la città era una zona paludosa circondata da fiori spontanei di iris(gli iris gialli infatti sono raffigurati sullo sfondo blu della bandiera di Bruxelles Capitale).
–  Su ordine di Luigi XIV la piazza di Bruxelles, la città vecchia, fu incendiata e bruciarono 4000 case in legno. Interamente ricostruita, la Grand Place fu definita da Victor Hugo la piazza più bella del mondo.
–  In stile tardo gotico, questo edificio non ha una struttura lineare in quanto nella la parte destra sembra che manchino delle arcate. Si dice che quando l’architetto se ne accorse, si suicidò gettandosi da questa torre ma in realtà non è così e campo fino a 90 anni!
–  Con in cima San Michele che uccide il drago patrono di Bruxelles (è che una delle banderuole più grandi d’Europa), questa torre è un simbolo della città.
–  Nel cortile interno del municipio di Bruxelles si trova una stella nera che indica i punti cardinali: da qui sono musurate tutte le distanze tra Bruxelles e il resto del mondo!

 

 [ La Grande Place]

 

MONT DES ARTS

E’ il punto più panoramico di tutta la città. Si trova in una posizione elevata tra il quartere reale e e la Grand Place e collega la parte alta con la parte inferiore della città, dove appunto si trova la Grand Place. Il Mont des Arts si caratterizza per un ampia scalinata che conduce ai bellissimi giardini,  creati da Jules Vacherot su richiesta del Re Leopoldo II in occasione dell’Expo of 1910. Questo è luogo bello in ogni stagione! Qui si trova anche un grande orologio, “Le carillon: costruito negli anni Sessanta, attira l’attenzione di chi cammina al Mont des Arts con le sue 24 campane con una melodia della Vallonia e una delle Fiandre ogni mezz’ora. 12 statue si muovono al suono della melodia, e su ogni ora c’è la statua di un ersonaggoi che ha fatto la storia della città. in cima, si trova una statua di 2,80 metri di altezza che richiama la monda del 1830 anni della rivoluzione che rappresenta i cittadini di Bruxelles. 

Curiosità: da qui si gode un bellissimo tramonto! In estate il sole tramonta alle 10 e la luce regalo uno spettacolo unico della torre del municipio della Grand Place. Altri bei punti per vedere il tramonto sono il Belvedere di Place Poelaert, sopra il quartiere di Marolles di fianco al palazzo di giustizia e il Belvedere della Colonne du Congrés!

[ Mont des arts ]

 

GALERIE reali SAINT HUBERT

Poco distante dalla Grand Place, si trovano le splendide Gallerie reali Saint Hubert, con bar, caffetterie, negozi e cioccolatai. Le gallerie si sviluppano per circa 200 metri e si caratterizzano per le bellissime vetrate e interni. Cotruite nel 1837 dall’architetto Cluysenaer, si suddividono in tre parti, la Galerie de la Reine, la Galerie du Roi e la Galerie des Princes, ed erano chiamate “Parapluie de Bruxelles” (l’ombrello di Bruxelles).

Curiosità: poco lontano dalle gallerie rione si trova “à la Mort Subite“, uno delle birrerie storiche e autentiche dove assaggiare la birra belga!

[ Galeries Royales ]

 

Manneken Pis

Dalla parte opposta delle Gallerie Saint Hubert e della Grand Place si trova il celebre Manneken Pis: si tratta di una piccola statuetta che fa la pipì in una fontana. Niente di speciale ma è diventato uno dei simboli della città! La statua di bronzo è considerata un simbolo di indipendenza: per rendere speciale questo simbolo di Bruxelles, in svariate occasioni viene vestito con diversi abiti e pensate che ha più di 800 costumi conservati nel museo all’interno della Maison du Poi nella Grand Place.

Curiosità: questa non è l’unica statua che fa la pipi! Poco distante dal Manneken pis si trova Het Zinneke, il cane che fa la pipi (all’angolo di Kartuizersstraat e l’Oude Graanmarkt) e c’è anche la ragazza che fa la pipì, la Jeanneke Pis!

Curiosità: Poco lontano dalla statua del Manneken pis si trova il museo Guardaroba: il museo raccoglie alcuni degli otre 650 siti della celebre statuetta e di fianco al museo si torva un bellissimo murales dedicato al “Manneken Peace”!

[ Palais Royal ]

 

LA CATTEDRALE
 
Le SABLON

Quartiere situato nel centro storico di Bruxelles, il Sabon ospita molte case bruxelloise nonché cafe e ristoranti. Qui ci sono diverse cose da vedere: il Petit Sablon, una piazza molto graziosa dove si affaccia un’imponente chiesa Gotica e i bellissimo giardino, è circondato dalle piccole statue in bronzo che rappresentano i diversi mestieri che si praticavano a Bruxelles. Poco distante si trova l’église Notre-Dame, in stile gotico. Fuori, nel piazzale, c’è una statua del celebre pittore belga Brugel. Infondo, si trova il palazzo di giustizia con un enorme cupola, ancora in restauro. 

Curiosità: le staute che si trovano al centro del Petit Sabon sono il conte Egmont e dietro c’è il parco a lui dedicato. 

[ Petit Sablon ]

 

IL QUARTIERE LES MAROLLES 

Sotto al palzzo di giustizia e al quartiere Le Sabon, si trova il vivace quartiere di Les Marolles. E’ un quartiere vivo, molto amato dai turisti e non solo. Qui si trovano tantissime botteghe di antiquariato, ma anche negozizietti molto particolari di saponi, piante e chi più ne ha più ne metta. Partendo dalla Port de Hal (porta di accesso alla città carezzata da un enorme torrione), si percorre la Rue Haute e ci si addentra nel quartiere de des Marroles, Qui bisogna guardarsi intorno per scorgere i tantissimi murales che abbelliscono tutto il quartiere. Nella piazza Jeu de Balle c’è ogni giorno il mercato delle pulci. 

Curiosità: a Marolles ci sono molti negozi di Second hand dove si possono trovare capi vintage e negoziati di artigianato belga: consiglio un giretto da Belge un fois per dei souvenir un po’ unici e particolari!

 

[ Les Marolles ]

 

SANTA CATERINA

Insieme al quartiere Les Marolles, il quartiere di Santa Caterina è uno dei più vivaci ella città di Bruxelles, soprattutto alla sera quando le strade si riempiono dei tavolini dei ristoranti. Nella piazza principale si trova la chiesa barocca e gotica di Santa Caterina del XIV secolo Poco lontano, dietro alla chiesa si trova la torre nera in rue de Laeken. Poco lontano, il bellissimo edifico de La Bellone. 

Curiosità: la particolarità di questa chiesa è che sul lato si trovano ancora gli urinato pubblici, proprio sulle pareti della chiesa.

[ Santa Caterina ]

 

QUARTIERE EUROPEO

Il quartiere europeo i trova tra il comune di Bruxelles 1000 e il comune di Etterbeek. Qui si trovano le istituzioni europee, il cuore dell’Europa. Camminando per le strade di questo quartiere si percepisce l’appartenenza all’Unione Europea e ci si sente nel cuore dell’Europa. Merita una visita il Parlamento Europeo, aperto al pubblico dal lunedì al venerdì e al Parlamentarium. Dietro, si trova il bellissimo Parco Leopold, che vi conduce fino a Place Joudan, dove si possono mangiare le frisse più buone della città da Maison Antoine. 

Proseguendo, si raggiunge il celebre Parco del Cinquantenario, per poi sbucare di fronte al Berlaymont, il palazzo della Commissione Europea. Dietro al Berlayment si trova Square Ambiorix, un giardino circondato dalle bellissime case brucellosi in stile Art Nouveau: una zona residenziale conosciuta come “galere de l’Art Nouveau Bruxellois. Tra i palazzi più belli c’è la Maison Saint-Cyr. 

Curiosità: alla metro di Maelbeek si trova le Mur du souvenir, per ricordare l’attentato del 2011. 

[ Il quartiere europeo ]

 

PARC LEOPOLD E BIBLITECA SOLVEY

Dietro al parlamento Europeo si trova uno dei parchi più belli di Bruxelles, il Parc Leopold. Suddiviso in diversi dislivelli, questo parco ospita la Biblioteca Solvey, situata proprio al centro del parco, sopra il laghetto. Questa biblioteca, visitabile quando ospita delle mostre o eventi, è in stile Art Nouveau. Poco distante, si trova il Museo di scienze naturali, che ospita gli scheletri e reperti archeologici di dinosauri trovati in Belgio.

Curiosità: sempre qui si trova la Casa della storia dell’Europa, un museo interattivo che ripercorre la storia dell’Europa dal mito greco fino all’Unione Europea.

 

[ Parc Leopold ]

[ Biblioteca Solvey ]

[ Ill Parc Leopold e il Parlamento Europeo ]

 

ATOMIUM

L’atomium fu costruito nel 1958, in occasione dell’Esposizione Universale di Bruxelles. Questa opera architettonica di acciaio alta 102 metri, simboleggia i 9 atomi di un cristallo di ferro ingranditaa 165 miliardi di volte che, invece di essere smantellato dopo 6 mesi, è diventato un simbolo della città di Bruxelles. Le sue 9 sfere sono collegate da tubi e raccontano la storia di questa impressionante scultura. Dalla sfera sommitale, si gode di un panorama a 360 gradi su tutta la città. 

 

[ Atomium ]

 

LOUISE E PLACE STEFANIE

Se siete amanti dello shopping, la via ideale per fare compere è Avenue Loise, una lunga strada che dal palazzo di giustizia arriva fino al parco Bois de la Chambre. Qui, e lungo la vicina Toison d’Or (fermata metro Port de Namur) si trovano moltissimi negozi, come anche in Rue Neuve. Se come me amate i negozi per la casa, non perdetevi il negozio olandese Dille & Kamille! Vicino all’Avenue Louise si trova anche Place Stefanie. Da qui si può raggiungere il quartiere di Saint-Gilles. 

 

[ Place Stefanie ]

 

SAINT BONIFACE E MATONGE

Abitando vicinissima a questa zona di Bruxelles, la conosco molto bene e non posso che consigliarla. Siamo fuori dai circuiti turisitifi dove tantissimi ristorantini e negozietti carini animano il quartiere. 

Matonge é il quartiere africano di Bruxelles: passando per le sue strade si ha davvero la sensazione di trovarsi in Africa! Sicuramente da vedere perché é molto molto particolare! 

Saint Boniface é tra Matonge e la Chaussé di Ixelles, strada piena di negozi di grandi marche. Nella Piazza di Saint Boniface c’è l’omonima chiesa e intonai tantissimi ristoranti davvero gradi pi per mangiare o anche solo bersi una birra: in estate hanno tutti la terrace, li spazio fuori! 

Curiosità: posticini carini, o meglio negozietti carini a Saint Boniface sono: le petit boudoir (con brand etici e sostenibili), Kusje e Lucky Look. Fika per un caffè al volo! 

[ Saint Boniface ]

 

IXELLES: PLACE FLAGEY, les ETAGNES e l’ABBEY DE LA CHAMBRE

Nella parte meridionale della città di Bruxelles, si trova il grazioso comune di Ixelles. Quartiere residenziale, è poco frequentato dai turisti ma merita di essere visitato. Con una passeggiata di 20 minuti, dal centro percorrendo la Chuasse di Ixelles e passando per Place F. Coq (dove si trova il comune di Ixelles), si arriva a Place Flagey, la piazza più grande di tutta la città. Qui, si trova una delle migliori friterie di Bruxelles dove mangiare buonissime patatine fritte e la libreria Falgey dove si possono trovare i Bande desiste, i fumetti. Poco distanti, si trovano due bellissimi stagni, les Etagnes d’Ixelles, con fontane. Proseguendo, al termine del secondo stagno si trova l’Abbey de la Chambre

 

[ Gli stagni di Ixelles ]

 

Bois de la chambre

E’ il parco più grande di tutta la città, nonché uno dei più grandi di tutta Europa. Per saperne di più sui parchi di Bruxelles: clicca qui: guida ai parchi più belli di Bruxelles!

Curiosità: questo parco si estende fino a Waterloo!

 
MUSEI 
Ci sono moltissimi musei a Bruxelles. Mi limito a citarne i più  belli e particolari.
1) Il museo di scienza naturali: qui potrete vedere scheletri di dinosauri.
2) Museo Magritte: opere dell’artista belga dell’uomo con il cappello. Museo della Musica: in un bellissimo edificio.
3) Museo Orta: L’architetto Victor Horta decorò numerosi edifici in tutta la città. A lui è dedicato il Museo Orta, vicino alla sua casa in Rue Americaine nel quartiere di Saint-Jilles. All’interno, pavimenti, porte, lampade e mosaici decorano l’ambiente luminoso.
4) Il MIM: il Palazzo Old England è uno dei più belli costruito nel 1899 da PaulSaintenoy in stile Art Nouveau con la sua elegante facciata in acciaio e vetro, presenta raffinate decorazioni e odpit 
 
[ Museo di scienze naturali ]

[ Museo Orta ]

[ Museo Magritte ]

[ MIM: museo della musica ]

 
DA PROVARE

Mercati di Bruxelles

Come in ogni città anche Bruxelles ha i suoi mercati e alcuni sono davvero molto belli da visitare! Ne proprongo 3:

PLACE JOURDAN: ogni domenica la piazza del comune di Etterbeek, nel quartiere europeo tra la commisone europea e dietro il Park Leopold, ospita il mio mercato preferito. Non troppo grande, è molto ben fornito e oltre a frutta e verdura, formaggi ecc si trovano banchetti a mio avviso molto carini: suggerisco il banchet che vende le empanadas, davvero buonissimo! Poi il fiorista che si mette sempre davanti al ristorante Mama Roma, il mio preferito! C’è anche un signore che di inverno vende delle zuppe buonissime! 

PLACE FLAGEY: mercato molto bello sopratutto perché qui oltre ai banchetti ci sono dei piccoli stand per mangiare, fare colazione o addirittura un branch! Ce n’è per tutti i gusti: dal thailandese ai pancakes, dai succhi di bambù a…

 

IL MERCATO DEI FUORI DI GARE DU MIDI: il più grande anzi enorme mercato di Bruxelles. Non è un bel mercato un mercato dove comprare cosine carine ecco ma sicuramente è uno dei mercati più famosi di Bruxelles. È un mercato vero prior anzi io lo definisco un super mercato a cielo aperto perché ci si trova davvero i tutto anche i detersivi per esempio! Perché lo consiglio? Per la scelta di piante: qui ci sono tantissimi fioristi che vendono davvero ogni genere di pianta e i prezzi sono davvero concoccentziaeli! Fate però attenzione perché non è una delle meglio di zone della città. 

 

 

COSA E DOVE MANGIARE 

La cucina belga non è così male come molti pensano: oltre al cioccolato (ne parlo più sotto), il Belgio ha molti gustosi piatti legati alla tradizione, tra cui l’eccellente birra! Come birre tradizionali consiglio di provare le birre del birrificio Brussels Beer Project!

Altro piatto tipico belga sono le Frites, le patatine fritte. Sono diversi i baracchini che vendono le frites al cartoccio ma le migliori sono quelle della Maison Antione in Place Jourdan (dove va anche la Merkel) e le Frites del piccolo baracchino in Place Flagey

 

 

10 Posticini carini dove mangiare (e bere una birra) a Bruxelles

Bruxelles è la capitale europea e un vero e proprio mix di culture: non è difficile trovare in ogni accolgo della città ristoranti con tradizioni culinarie di tutto il mondo! Due posticini molto belli e poco turistici dove trovare bar e ristoranti sono Place Londres e Saint-Boniface e anche la graziosa Place Fernand Coq a Ixelles.  

Qui un elenco con i miei preferiti, quelli che mi piace chiamare posticini carini:

  1. LE PAIN QUOTIDIEN: è principalmente una Boulangerie belga dove si può anche mangiare o fare ottimi brunch: alla base di questo posto c’è la genuinità e semplicità dei prodotti, tutti bio! Il mio posto preferito in assoluto! 
  2. LA FABRIQUE: nel cuore del bellissimo Parc d’Egmont, uno dei posti più gettonati dai bruxelloises per fare il brunch della domenica! 
  3. LE COMPTOIR: un mix di culture bellissimo nel centro di Bruxelles dove i piatti si condividono con una musica marocchina! 
  4. LE MARMITON: ristorante nel cuore di Bruxelles: prenotate un tavolo à l’extérieur per poter mangiare dentro le bellissime Galeries Royales
  5. LE CHALET: sull’isolotto del laghetto nel cuore del Bois de la Cambre si trova questo ristorante molto carino dove si possono anche noleggiare delle barchette a remi per esplorare il lago:
  6. DEUXIEME ELEMENT: il miglior pad thaï di Bruxelles!
  7. UTILME ATOME: ristorante belga con uno spirito giovane e piatti per tutti i gusti 
  8. GUINGUETTE PARC ROYAL: per una buona birra e del finger food nel cuore di questo grazioso parco di Bruxelles
  9. In tutti i posti sopra elencati ci sono opzioni veg ma consiglio qualche ristorante specializzato in cucina vegani e vegetarina: I due vegani da provare
  10. BURGER (con opzioni anche veg!) consiglio: Ellis Burger e Manhattan Burger, entrambi sono belgi! 

 

[ Le pain quotidien al Sablon ]

 

Cioccolaterie e Pasticcerie di Bruxelles

Il cioccolato belga, insieme alle patatine fritte, è celebre in tutto il mondo. La produzione di cioccolato in Belgio iniziò nel 1600 a Gand: la cioccolata calda era una bevanda di lusso, destinata alla famiglia reale e agli aristocratici. Poi, nel 1800, il farmacista belga Neuhaus ebbe l’idea di ricoprire di cioccolato le medicine per renderle meno amare. È così nacque la pralina belga! 

Oggi in Belgio ci sono più di 2000 negozi di cioccolato! A Bruxelles è possibile trovare le marche più consosciute:

NEUHAUS: si trova in diverse parti della città, in centro nelle belle Galeries Royales.

CORNÈ: nel 1935, Maurice Corné creò il ‘Manon sucre’, famoso cioccolatino belga. 

ELISABETH: 6 negozi a Bruxelles che vendono cioccolato di cioccolatai di diverse parti del Belgio.

LEONIDAS: fondata nel 1912, si contraddistingue per i prezzi non troppo elevati (ma il cioccolato é ugualmente buono!)

PIERRE MARCOLINI: il più conosciuto in tutto il mondo, molto bello il negozio al Sablon. 

MARY: fondata nel 1912 da Mary Delluc,  proporne cioccolatini direi raffinati, che ci portano indietro nel tempo. 

Oltre al cioccolato, ci sono alcune pasticcerie che vorrei consigliare:

AUX MERVEILLEUX DE FRED: lampadario di cristallo e un’atmosfera barocca e raffinata. Da provare il Merveilleux, dolce à base di meringa. Dove? In 7 Rue du Marché Aux Herbes.

WITTAMER: pasticceria storica, anche della famiglia reale! Dove? 6 Place du Grand Sablon.b no

MAISON DANDOY: consigliata per gli speculoos, i biscotti alla cannella tipici della Belgio: Dove? Consiglio il negozio nelle Galeries Royales.

VEGANWAFFLE: la gaufre (waffle) é un altro dolce tipico del Belgio e in questa pasticceria ci sono gaufres vegane e senza glutine. Dove? Galerie Agora 48.

BUDDY BUDDY: bar belga vegan con deliziosi dolcetti e creme di frutta secca davvero buonissime. Dove? Rue des Drapiers 10. 

GARCIA: pasticceria portoghese con i migliori pasteis de nata di Bruxelles! Dove? Av. de la Couronne 75.

[ Elisabeth vicino alla Grand Place ]

Spero che questa guida possa essere utile per organizzare un weekend a Bruxelles!


 

 
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.