Action cam & viaggi – Guida pratica

Action cam & viaggi – Guida pratica

pubblicato in: consigli utili | 0

Negli ultimi anni le action cam, piccole telecamere dalle grandi prestazioni, hanno avuto un successo strepitoso: create principalmente per chi pratica sport estremi, oggi queste telecamerine vengono acquistate da tutti per una serie di ragioni, che vanno dall’ottima resa dei video e foto alla praticità. Da patita della fotografia, quando le action cam sono sbarcate sul mercato hanno subito catturato la mia attenzione e dopo aver provato alcuni modelli, da circa otto mesi ho una mia action cam, che utilizzo tantissimo durante i miei viaggi.

 

Che cos’è una action cam

L’action camera è una piccola telecamera costruita in modo tale da poter realizzare riprese video e fotografie in condizioni “estreme”, cioè durante le quali può essere difficile tenere in mano un cellulare o una normale videocamera. Queste telecamere sono di dimensioni ridotte (le più grandi non sono nemmeno grandi come il palmo di una mano) e grazie alla loro resistenza possono essere impiegate in particolari circostanze: i diversi attacchi permettono di utilizzarle senza usare mani! Per soddisfare le singole esigenze ne esistono a migliaia (come adesivi, cinghie, montanti), che permettono di attaccare queste telecamere non solo alla testa o al polso ma anche al manubrio della biciletta, alla tavola da surf e ovviamente al bastone dei selfie, che ultimamente va molto di moda.
Per garantire una ripresa video ottimale, alcune action cam hanno perfino lo schermo Lcd incorporato; altre, per questioni dovute al risparmio di batteria o alla loro particolare conformazione, non sono dotate di schermo lcd; in altri modelli ancora, questo viene venduto separatamente, in modo da lasciare la possibilità di decidere se utilizzarlo o meno.

 

Action cam in viaggio

È stato il viaggio in Messico a convincermi di come le action cam siano utili durante un viaggio, infatti grazie alla microtelecamera del mio fidanzato abbiamo potuto realizzare riprese di ottima qualità in condizioni dove l’utilizzo della reflex non era ottimale o addirittura impossibile.

Immersione e impermeabilità: queste telecamerine possono essere utilizzate sott’acqua; è vero che oggi vengono vendute custodie per i cellulari che permettono di immergere il telefono in acqua ma la plastica di queste cover è poco resistente e non consente di immergere il telefono troppo in profondità. Le action cam invece generalmente raggiungono i 5mt e alcuni particolari case (custodie) subacquei permettono di immergerle fino a 100 mt.

Praticità: é la caratteristica principale delle action cam. In tutti i viaggi che faccio porto con me la mia inseparabile reflex ma più di una volta mi sono ritrovata a scattare foto con la mia action cam in quanto molto semplice da usare e pratica. I diversi accessori che si possono acquistare permettono di posizionarle ovunque, e in questo modo si possono realizziate svariate riprese, anche senza usare le mani.

Condivisione tramite Wi-Fi e Gps: quasi tutti i modelli di action cam sono dotati di wifi e gps. In questo modo è possibile trasferire le riprese sul proprio cellulare o sul computer. Scaricando l’applicazione della action cam sarà inoltre possibile condividere in tempo reale le riprese. Inoltre, se la telecamera è sprovvista di schermo lcd, grazie al collegamento Wi-Fi e gprs sarà possibile utilizzare lo schermo del cellulare per la ripresa.

Autonomia della batteria: l’autonomia delle batterie può arrivare a durare 4 ore. Su internet (amazon.it) è possibile acquistare batterie di riserva di varie marche a prezzi bassi: nel mio caso ho acquistato 2 batterie per la gopro hero 4 silver al prezzo di 7€ l’una!

 

Tipologie di action cam

Eistono innumerevoli tipologie di action cam sul mercato: senza ombra di dubbio le più famose sono quelle della famiglia GoPro, ma esistono anche altri modelli che offrono un buon rapporto qualità prezzo e capaci di soddisfare le esigenze di tutti. Personalmente ho avuto modo di provare un modello di gopro (la gopro hero 4 silver), un modello di action cam Geonaute (vendute al Decathlon) e infine la Muvi K-Series 2 della Veho, che ho acquistato nei mesi scorsi.

La famiglia delle GoPro
Ad oggi il brand GoPro propone vari modelli di action cam (le Hero), suddivise in due categorie: le entry level (Hero, Hero+, Hero+Lcd) e le Pro User (Hero4Session, Hero4Silver, Hero4Black). Le prime sono il modello base e appartengono alla fascia più economica (i prezzi non superano i 250€), mentre le seconde hanno prestazioni più elevate e sono tutt’altro che economiche (alcune arrivano a costare quasi 500€!)
Oltre alla buona qualità delle riprese, il prezzo elevato delle gopro è dovuto al fatto che alcuni modelli hanno lo schermo Lcd incorporato e grazie al loro design semplice ed essenziale sono le più semplici da utilizzare.

 

image
La Veho Muvi
Vi parlo della mia action cam, di cui sono molto soddisfatta! Nonostante sia poco conosciuta, questa telecamerina ha caratteristiche molto simili a quelle della gopro: è possibile registrare in 1080p (1920×1080 pixel) con 60 fps (la stessa resa della gopro); Lcd non è incorporato ma venduto separatamente, con la possibilità di attaccarlo o rimuoverlo a piacimento in modo da risparmiare batteria (a differenza di modelli di gopro come la hero4silver dove non può essere rimosso); la custodia, venduta con il modello base, permette di immergerla fino a 100 m (mentre quello base della gopro arriva fino a 40 m); le Iso della Muvi sono automatiche, quindi quando si fanno riprese in un luogo poco luminoso, la telecamerina regola automaticamente l’esposizione; infine il prezzo: attualmente, senza Lcd, il prezzo su amazon.it si aggira intorno ai 170€! Ovviamente il design della Muvi è molto meno raffinato di quello della gopro, ma personalmente io preferisco puntare alla qualità e al risparmio!

 

image
Altri modelli
Ho avuto modo di testare una delle prime action cam Geonaute proposte dal Decatholn e a mio avviso il rapporto qualità prezzo è molto buono! Anche queste registrano in 1080×920 (full HD) e sono dotate di custodie che possono essere immerse fino a 100 m. Inoltre il prezzo è molto conveniente, il modello meno costoso ha un prezzo di 89€.
Esistono poi altri modelli, come ad esempio la cube della Poloraoid, molto pratica per le microscopiche dimensioni, tuttavia nel complesso non è molto conveniente: registra fino a 1080p ma ha un’autonomia di batteria di 90 minuti (batteria non sostituibile), è priva di attacco per schermo Lcd e il prezzo si aggira intorno ai 150€.
Anche la Sony si è cimentata nella realizzazione di action cam, con diverse fasce di prezzo: alcune di queste hanno la forma circolare, facilitandone l’impugnatura e l’aggancio a caschi e biciclette. La più economica é la Sony HDR-AS20 (prezzo: 200€, su amazon.it scontata a 150€): anche questa può registrare in full HD, ha un buon stabilizzatore per evitare le vibrazioni e può essere collegata via Wi-Fi con altri apparecchi.

 

 

image

 

Quale action cam scegliere

La scelta della action cam dipende dalle singole esigenze.
Innanzitutto bisogna tenere conto che, per ottenere delle buone riprese, bisogna far riferimento alle caratteristiche tecniche del prodotto e non semplicemente al band.

Qualità delle riprese: la buona qualità delle riprese è data dai fsp (frame per secondo): più è alto il numero dei fsp, più il video sarà fluido. Generalmente le action cam hanno dai 15 ai 60 fsp, e solo alcune arrivano fino a 120 fsp (gopro hero 4 black). Gli elevati fsp sono importanti soprattutto per chi vuole realizzare riprese in slow motion.
La risoluzione di registrazione invece è la qualità del video. La più alta risoluzione offerta da alcune action cam è in 4K (3840×2160 pixel). Un’alta risoluzione però non è sempre consigliata: innanzitutto, video con un’alta risoluzione occupano molta memoria e per registrare ad esempio in 4 k, le action cam offrono solo 15 fsp. Infine, ha poca utilità registrare in alta risoluzione se non si ha intenzione di fare un’accurata post produzione.

Autonomia della batteria: come ho detto sopra, alcune action cam hanno un’autonomia fino a 4 ore ma non per tutti i modelli è così. Ad esempio, le action cam con schermo lcd incorporato consumano molta più batteria rispetto a quelle prive di lcd o rispetto a quelle dove può essere rimosso. Se si intendono effettuare lunghe riprese, è consigliabile una action cam priva di lcd o una con lcd rimovibile (come nel caso della muvi veho), oppure sceglierne una dove le batterie scariche possono essere sostituite. Bisogna infatti tenere conto che in alcune action cam la batteria non è rimovibile e quindi non può essere sostituita (è il caso della gopro session o della polaroid cube).

Tipologia di utilizzo: se si fanno viaggi occasionali e non si praticano abitualmente attività in cui le riprese non possono essere fatte con cellulare o simili, non ha senso spendere cifre esorbitanti per acquistare una action cam di fascia medio alta. In questo caso ci si può orientare su modelli come la Geonaute del Decathlon (registra in full Hd, cioè in 1080x30fsp) e ha un costo di 89€. In questo modo si potranno effettuare delle buone riprese (ad esempio sott’acqua) senza spendere molto.
Se invece si praticano sport estremi o ci si vuole semplicemente cimentare nell’utilizzo delle action cam, allora conviene prendere una action cam di fascia medio alta. Oltre ai modelli della famiglia gopro, la muvi veho è una buona alternativa.
Se poi si vuole acquistare una buona action cam dalle dimensioni ridotte (rinunciando però alla possibilità di sostituire la batteria e all’lcd) un buon modello è la hero session della gopro: piccola, pratica e dalla buona qualità, ha un prezzo abbordabile (200€).

 

 
Share

Lascia una risposta