Il Salar de Uyuni è uno dei luoghi più incredibili al mondo. Situato a 3650 m slm, si estende per 12.000 kmq ed è il salar più grande del mondo. È un luogo davvero magico, a qualsiasi ora del giorno e in ogni stagione, perché cambia in continuazione. Durante la stagione secca, si presenta come una distesa di sale bianchissima che si estende a perdita d’occhio mentre durante la stagione delle piogge è ricoperto da un sottile strato di acqua che forma l’effetto specchio: il cielo e la terra si confondono, regalando paesaggi lunari! Il Salar de Uyuni è uno di quei luoghi da visitare almeno una volta della vita perché sa stupire come pochi altri luoghi al mondo.

 

L’ORIGINE DEL SALAR DE UYUNI

Dove oggi si trova il Salar più grande del mondo, milioni di anni fa c’era il mare, il Golfo di Uyuni: ne sono testimonianza le isole che si trovano nel mezzo del Salar, come l’Isla Incahuasi, oggi popolata solo da cactus. Con il passare degli anni il mare si ritirò e si formò il Lago Minchin, un lago preistorico profondo 3000 m formato dall’acqua che scendeva dalle montagne dell’Altipiano. In questa zona si concentrò il sale dei minerali filtrati dalle montagne circostanti e l’acqua del lago lentamente evaporò. Dopo 14.000 anni si riformò un altro lago, il Lago Tauca, che a sua volta si prosciugò, lasciando due pozze d’acqua (il lago Poopo’ e il Lago Uru Uru) e due grandi saline, il Salar de Uyuni e il Salar de Coipasa.

Il Salar de Uyuni, oltre che essere uno dei luoghi più belli del pianeta, è anche un’importante risorsa mineraria. Contiene 10 miliardi di tonnellate di sale: ogni anno se ne estraggono circa 20.000 tonnellate. Ma oltre al sale, vengono estratti altri minerali, come il potassio e il magnesio. Ma viene estratto soprattutto il litio: è la terza riserva di litio del mondo!

 

[ Salar de Uyuni ]

 

LA VISITA AL SALAR DE UYUNI

Il Salar de Uyuni si trova nella parte sud occidentale della Bolivia, vicino alla città di Uyuni. Può essere visitato in giornata da Uyuni oppure con un tour di più giorni del Los Lipez. È possibile affittare un 4×4 ed esplorare il Salar in autonomia ma è fortemente sconsigliato: all’interno della salina non esistono strade ed è molto difficile orientarsi. Inoltre, in un punto del Salar si trovano gli ojos del salar, dei buchi dove esce acqua calda che sono difficili da vedere e dove in passato alcune carovane si sono ribaltate. La cosa migliore è affidarsi ad un’agenzia locale e visitare il Salar con un tour organizzato.

Le escursioni nel Salar sono in 4×4 e prevedono la visita all’hotel di Sale Playa Blanca, al monumento del Dakar Rally e alla piattaforma delle bandiere. Durante la stagione secca si raggiunge anche l’Isla Incahuasi, un’isola popolata da cactus nel bel mezzo del Salar. Pagando un biglietto di ingresso di BOB 30 è possibile fare una breve passeggiata sull’isola per scattare bellissime fotografie di questo luogo surreale. Al termine della visita, è previsto il rientro a Uyuni ed eventualmente il tramonto nel Salar.

 

[ I 4×4 con cui si visita il Salar ]

 

EFFETTO SPECCHIO NEL SALAR DE UYUNI

Il Salar de Uyuni è spettacolare durante la stagione secca ma durante la stagione delle piogge diventa magico. Da novembre a marzo le piogge inondano tutta la regione sud-occidentale della Bolivia e il Salar viene ricoperto da un sottile strato d’acqua. Questo strato d’acqua che si deposita sul Salar riflette le vette dei vulcani circostanti e le basse nuvole che passano sulla salina, creando un paesaggio davvero insolito. Il confine tra cielo e terra scompare e si ha la sensazione di essere su un altro pianeta!

Questo strano fenomeno capita solo durante la stagione delle piogge, da novembre a marzo: durante il resto dell’anno il Salar è completamente secco. Anche se i servizi turistici diminuiscono e le strade sono spesso allagate, è questo il periodo giusto per vedere l’effetto specchio. Purtroppo però, considerata la quantità di acqua che si deposita sul Salar, quando è inondato non è possibile transitare all’interno e l’Isla Incahuasi è irraggiungibile. Le jeep portano i turisti solo fino all’inizio del Salar, dove si trova l’hotel Playa Blanca, il monumento del Dakar Rally e la piattaforma delle bandiere.

 

[ L’effetto specchio nel Salar de Uyuni ]

 

QUANDO ANDARE

Il periodo migliore per visitare il Salar de Uyuni è durante la stagione secca, quando il Salar si presenta con un’immensa distesa bianca. Dopo la stagione delle piogge (novembre-marzo) l’acqua che ricopre il Salar evapora e lascia il Salar secco: da maggio ad ottobre è il periodo migliore per la visita.

Per vedere l’effetto specchio il periodo migliore è durante la stagione delle piogge (novembre-marzo): in base alla mia esperienza personale vi consiglio fine marzo o aprile perché il rischio che le strade siano inondate è inferiore e probabilmente sarà possibile visitare altre zone del paese senza correre rischi. Noi abbiamo avuto la fortuna di vedere i due volti del Salar e siamo andati ad aprile. Ovviamente dipende dalla stagione delle piogge per cui io non ci speravo invece è stata una vera sorpresa! È quindi importante informarsi sul meteo.

 

[ Isla Incahuasi, nel mezzo del Salar de Uyuni ]


 

 
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *